Crea sito

Storia e Consiglio Comunale: 1901-1918

Echi di storia nazionale negli atti amministrativi del Consiglio Comunale di Battaglia Terme. Capitolo II: Il primo Novecento e la Grande Guerra (1901 – 1918).
Qui l’introduzione e il primo capitolo.

ECHI
DI STORIA NAZIONALE
NEI CONSIGLI COMUNALI
DI BATTAGLIA TERME

II IL PRIMO NOVECENTO E LA GRANDE GUERRA ( 1901 – 1918 )
Indice
Nota introduttiva
Documenti

Battaglia in una cartolina del 1909.

Battaglia in una cartolina del 1909.

Centro per la Ricerca e la Documentazione sulla Storia Locale – Battaglia Terme.

II
IL PRIMO NOVECENTO E
LA GRANDE GUERRA
( 1901 – 1918 )

INDICE

22 Marzo 1909 Il terremoto di Messina | 26 Luglio 1912 In terra di Libia | 29 Novembre 1912 Pro flotta aerea | 8 Febbraio 1915 Il terremoto in Abbruzzo | 14 Ottobre 1915 L’affondamento della Benedetto Brin – La refezione dei figli dei richiamati alle armi – La sorveglianza dei figli dei richiamati alle armi – Una refezione partigiana – Sussidi alle famiglie dei richiamati | 14 Gennaio 1916 Custodia dei figli dei richiamati | 14 Dicembre 1916 Distribuzione dei sussidi alle famiglie dei richiamati | 16 Dicembre 1916 Le legittime aspirazioni nazionali | 19 Gennaio 1917 Gli orfani dei contadini morti in guerra | 5 Aprile 1917 Comitato Pro mutilati | 14 Maggio 1917 La Società Solferino e S. Martino | 7 Agosto 1918 La lega d’Azione antitedesca | 10 Novembre 1918 La grande vittoria | 27 Novembre 1918 Spese di guerra

Nota introduttiva

Le grandi aperture politiche, se pur accompagnate dai noti limiti, del governo Giolitti non sembrano aver colpito il Consiglio comunale, dal momento che dello statista di Mondovì non compare neppure il nome. Del primo quindicennio del Novecento si ricordano, nella sintetica ratifica di una deliberazione di Giunta, il catastrofico terremoto di Messina del 28 Dicembre 1908 e, qualche anno più tardi, la Guerra di Libia e la neonata flotta aerea. L’8 Febbraio 1915, quando l’Europa è già travolta dalla follia e in Italia si discute se mantenere o meno i patti siglati con gli Imperi Centrali, il Consiglio stanzia lire cento per un altro, violento terremoto che il 13 Gennaio aveva distrutto Avezzano e informa che un gruppo di benemeriti Battagliesi si è formato in comitato onde … sovvenire, separatamente dal sussidio che il Consiglio intenderà di deliberare, i danneggiati.
Ma inizia anche per l’Italia la Grande Guerra.
Nella seduta del 14 Ottobre 1815, il Sindaco Ferdinando Cavazzani si rivolge all’Assemblea con queste parole: Prima di iniziare la seduta mi sia permesso di rivolgere un commosso saluto ai prodi che caddero per la grandezza della Patria. La frazione di S. Pietro Montagnon conta già quattro dei suoi figli fra i caduti. Ad essi tutta la nostra ammirazione. E un commosso saluto alla lagrimata salma del valoroso Comandante Candeo perito nell’immenso disastro della Brin. Alla famiglia ho già fatto pervenire le espressioni di cordoglio dell’Amministrazione Comunale.
Com’è noto, la corazzata Benedetto Brin affonda il 27 Settembre 1915 al largo di Brindisi, per un atto di sabotaggio.
Ma degli orrendi massacri, delle sanguinose battaglie, dell’angoscioso allargamento del conflitto a tutti i continenti, dei complessi contrasti politici, assolutamente nulla. Un argomento su tutti sembra, invece, assorbire i lavori del Consiglio e le discussioni già abbastanza tese dei Consiglieri: il servizio di refezione e di sorveglianza per i figli dei richiamati alle armi e l’erogazione di sussidi alle relativa famiglie.
Sembrerebbe un argomento di tragica normalità in tempi di guerra. Purtroppo, a Battaglia, si combatteva da tempo un’altra guerra, se pur incruenta, quella tra il Capoluogo e la Frazione e dei bambini, ahimè, si approfitta per acuire tensioni e rinfocolare contrasti. Non sfugga il velenoso sarcasmo con cui il Cav. Migliorati attacca l’operato della Giunta:
La Giunta Municipale con pensiero gentile e patrio pensò di aver cura dei bambini figli dei richiamati alle armi, ma con sentimento tutto partigiano rivolse la sua attenzione solo ai figli dei richiamati della frazione di S. Pietro Montagnon dimenticando quelli della frazione di Battaglia. La frase non cade nel vuoto ed innesca, com’è comprensibile, una serie di polemiche e di discussioni che si protraggono nel tempo e che relegano in secondo piano la tragedia che sta sconvolgendo e modificando il mondo.
Un accenno, tuttavia, ad un conflitto che non vuoi cessare e che falcia milioni di giovani vite lo troviamo ancora nelle parole che il Regio Commissario Ermigio Menini pronucia nella seduta del 16 Dicembre 1916, allorquando delibera di assegnare una certa somma ad incremento del Comitato pro orfani dei contadini morti in guerra e ciò quale doverosa affermazione di patriottismo e di riconoscenza verso la classe che maggiormente concorre col sacrificio della vita al trionfo delle legittime aspirazioni nazionali.
Nell’anno di Caporetto si tace della sconfitta, ma si registrano tre interessanti iniziative: nasce un Comitato comunale per gli orfani dei contadini morti in guerra, cui partecipano i sacerdoti, i medici e i maestri-capo di Battaglia e S. Pietro Montagnon, si eroga un contributo a favore del Comitato Provinciale Pro Mutilati e si iscrive il Comune di Battaglia a socio perpetuo della Società Solferino e S. Martino che si propone di costituire un fondo per l’identificazione delle salme e delle sepolture dei caduti nell’attuale guerra.
Il 7 Agosto 1918, all’indomani della vittoria sul Piave e due giorni prima del fatidico volo su Vienna, il suddetto Regio Commissario iscrive il Comune di Battaglia alla Lega d’Azione Antitedesca, ritenuta opera altamente patriottica quella propostasi dalla lega medesima di esplicare cioè in ogni campo una forte propaganda per emancipare la nostra popolazione dalla egemonia tedesca purificandola dall’inquinamento che à toccato ogni ramo della nostra attività industriale, finanziaria e scientifica.
La grande vittoria e l’armistizio di Villa Giusti vengono salutati a Battaglia, come si vedrà poco oltre, con due giorni e due notti di ininterrotto scampanio che causerà perfino il logoramento delle corde delle campane. Ci si aspetterebbe quindi una seduta di Consiglio adeguata alle circostanza, ed invece il sobrio Commissario Regio, il 10 Novembre 1918, prendendo occasione dalla festa odierna, promossa da autorità locali e popolo, per celebrare la grande vittoria del nostro esercito, si limita, se pur lodevolmente, a destinare la somma di lire 500 a favore delle popolazioni già invase dal nemico.
Come mai tanta sobrietà di toni pur in mezzo all’esultanza popolare? C’era l’altra guerra da concludere, più che da combattere, cui già s’ è fatto cenno, ed era nell’aria che si sarebbe conclusa con una Caporetto.

Documenti

22 Marzo 1909
IL TERREMOTO DI MESSINA

Il 28 dicembre 1908 un violento terremoto danneggiò gravemente le città di Messina e Reggio Calabria e le zone circostanti, causando un altissimo numero di vittime (tra le 105 e le 120 mila) e ingentissimi danni.

Luca Comerio [Public domain], attraverso Wikimedia Commons con modifiche.
Luca Comerio [Public domain], attraverso Wikimedia Commons con modifiche.

Sessione ordinaria
Seduta pubblica di prima convocazione
L’anno millenovecentonove addì ventitre del mese di Marzo alle ore 14 in Battaglia, nella consueta sala delle adunanze. Regolarmente convocato il Consiglio Comunale per deliberazione della Giunta Municipale in data 12 Marzo 1909 si è il medesimo riunito come appresso:
Intervenuti
l. Draghi Gaetano 8. Minio Nob. Eugenio
2. Salmaso Giacomo 9. Maletti Cav. Giovanni
3. Vernoni Damiano 10. Rinaldi Cav. Uff. Francesco
4. Mario Nob. Francesco 11. Volner Cav. Emilio
5. Vascellari Giovanni 12. Braggion Agostino
6. Sgaravatti Ulisse 13. Cini Michelangelo
7. Migliorati Cav. Giovanni 14. Milani Giuseppe
Non intervenuti
l. Pamio Giuseppe 4. Emo Co. Cav. Angelo
2. Cittadella Vigodarzere CO.Cav.Antonio 5. Turlon Giovanni
3. Turlon Guerino 6. Friso Valentino Emilio
Assiste l’infrascritto Segretario Bertolini Dante
Visto che il numero degli intervenuti è legale per adunanza di prima convocazione il sig. Maletti Cav. Giovanni, Sindaco, assume la Presidenza e, dichiarata aperta la seduta, chiama all’ufficio di Scrutatori i Signori Draghi Gaetano, Rinaldi Cav. Uff. Francesco, Minio Nob. Eugenio.
Indi si passa all’ordine del giorno.
omissis
OGGETTO N 5
COMUNICAZIONE E RATIFICA DELLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA 5 GENNAIO P.P. RELATIVA AL SUSSIDIO AI DANNEGGIATI DAL TERREMOTO
Si dà lettura del Verbale di Giunta 3 Gennaio 1909 relativo al sussidio accordato ai danneggiati dal terremoto del 28 Dicembre 1908.
Senza discussione il Consiglio delibera di ratificare la suesposta deliberazione d’urgenza della Giunta con voti favorevoli quattordici, contrari nessuno, espressi per alzata e seduta.
Il Presidente rende pubblico il risultato della votazione.
omissis
Esaurito l’ordine del giorno, il Consiglio, valendosi del disposto dell’art. 282 della Legge Comunale e Provinciale, delibera con votazione unanime espressa per alzata e seduta di delegare alla Giunta Municipale l’esame e l’approvazione del Verbale della presente adunanza.
Il Sig. Presidente dichiara sciolta la seduta.
Il Verbale suesteso è stato letto, approvato e firmato dai sottoscritti.
Il Presidente
Gio. Maletti
Il Consigliere AnzianoIl Segretario 
  Gaetano DraghiBertolini Dante

26 Luglio 1912
IN TERRA DI LIBIA

Monoplano del Regio Esercito durante la Guerra di Libia.

Monoplano del Regio Esercito durante la Guerra di Libia (foto scattata tra il 1911 e il 1912).

sconosciuto [Public domain], attraverso Wikimedia Commons con modifiche.

Sessione straordinaria
Seduta pubblica di prima convocazione
L’anno millenovecentododici addì ventisei del mese di Luglio alle ore nove ant.ne in Battaglia, nella consueta sala delle adunanze. Regolarmente convocato il Consiglio Comunale per deliberazione della Giunta Municipale in data 23 Luglio 1912 si è il medesimo riunito come appresso.
Intervenuti
1. Emo c. cav. Angelo 7. Volner dott. Cav. Emilio
2. Mario nob. Francesco 8. Friso Valentino Emilio
3. Vascellari Giovanni 9. Braggion Agostino
4. Sgaravatti Ulisse 10. Milani Giuseppe
5. Migliorati cav. Giovanni 11. Cittadella Vigod. Co. Cav. Antonio
6. Rinaldi cav. uff. Francesco 12. Vernoni Damiano
Non intervenuti
1. Minio nob. Eugenio 5. Draghi Gaetano
2. Turlon Giovanni 6. Turlon Guerino
3. Cini Michelangelo 7. Pamio Giuseppe
4. Salmaso Giacomo
Assiste l’infrascritto Segretario interinale Carlo Perlasca
Visto che il numero degli intervenuti è legale per adunanza di prima convocazione il sig. Mario nob. Francesco assessore anziano facente funzioni di Sindaco assume la Presidenza e, dichiarata aperta la seduta, chiama all’ufficio di Scrutatori i Signori Cittadella Vigodarzere co. Cav. Antonio, Rinaldi Cav. Uff. Francesco e Braggion Agostino.
omissis
OGGETTO 27
COMUNICAZIONE DELLA PROPOSTA DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL CONCORSO PRO-FLOTTA AEREA
Si da lettura della circolare 15 e 22 Aprile 1912 del Comitato della Provincia di Padova formatosi allo scopo di raccogliere fondi per offrire allo Stato una unità della costituenda flotta aerea.
Il Cav. Migliorati, assessore, espone gli alti intendimenti patriottici dell’iniziativa che vuole essere una chiara manifestazione della riconoscenza della patria verso i suoi figli che così valorosamente sanno tenere alto nella terra di Libia l’onore ed il prestigio della patria.
Si associano alle nobili parole tutti i consiglieri.
Dopo di che messa ai voti la proposta del Presidente di fare aderire il Comune alla sottoscrizione per una somma di lire 100 da iscriversi nel Bilancio 1913 fra le spese impreviste.
Questa viene approvata con voti favorevoli dodici, nessuno contrario, espressi per alzata e seduta.
omissis
Esaurito l’ordine del giorno, il Consiglio, valendosi del disposto dell’art. 282 della Legge Comunale e Provinciale, delibera con votazione unanime espressa per alzata e seduta di delegare alla Giunta Municipale l’esame e l’approvazione del Verbale della presente adunanza.
Il Sig. Presidente dichiara sciolta la seduta.
Il Verbale suesteso è stato letto, approvato e firmato dai sottoscritti.
Il Presidente
F. Mario
Il Consigliere AnzianoIl Segretario 
   Angelo EmoCarlo Perlasca

29 Novembre 1912
PRO FLOTTA AEREA

Sessione straordinaria
Seduta pubblica di prima convocazione
L’anno millenovecentododici addì venti nove del mese di Novembre alle ore 14 in Battaglia, nella consueta sala delle adunanze. Regolarmente convocato il Consiglio Comunale per deliberazione della Giunta Municipale in data 22 Novembre corrente si è il medesimo riunito come appresso.
Intervenuti
1. Mario nob. Francesco 9. Zannini Giovanni
2. Vascellari Giovanni 9. Maletti Cav. Giovanni
3. Migliorati cav. Giovanni 10. Lazzaro Luigi Celeste
4. Volner Cav. Emilio 12. Ongarato Antonio
5. Friso Valentino Emilio 13. Pastore Albano
6. Milani Giuseppe 14. Tasinato Ferdinando
7. Cittadella Co.Cav. Antonio 15. Pellieri Giacinto
8. Venoni Damiano
Non intervenuti
1. Emo Co. Cav. Angelo 3. Cini Michelangelo
2. Sgaravatti Ulisse 4. Bisi Comm. Giulio
Assiste l’infrascritto Segretario interinale Carlo Perlasca
Visto che il numero degli intervenuti è legale per adunanza di prima convocazione il Sig. Migliorati Cav. Giovanni Sindaco assume la Presidenza e, dichiarata aperta la seduta, chiama all’ufficio di Scrutatori i Signori: Cittadella co. Cav. Antonio, Friso valentino Emilio, Tasinato Ferdinando.
omissis
OGGETTO 31
SULLA DOMANDA DEL COMITATO “PRO FLOTTA AEREA” PER UN CONCORSO DI SPESA
Si dà lettura della precedente deliberazione Consigliare del 26 Luglio 1912 n. 27 dopo di che il Presidente apre la discussione sullo stesso argomento.
Il Consigliere Pellieri dichiara di non poter dare voto favorevole alla proposta della Giunta in quanto non crede che i Comuni possano stornare i propri fondi destinati ad essere di pubblica utilità nei limiti del loro territorio, per destinarli ad incremento di una istituzione a cui lo Stato solo può e deve provvedere per le sue stesse finalità e con i maggiori mezzi di cui dispone; d’altronde lo scopo per cui è sorta l’idea di una sottoscrizione nazionale è venuto a mancare dal momento in cui lo stato di guerra con la Turchia è cessato.
Aggiungono considerazioni sull’argomento i Signori Consiglieri Co. Cittadella e Vernoni.
Il Presidente prende quindi la parola per rammentare che la sottoscrizione iniziata con il consenso di tutto il popolo ha avuto il precipuo carattere di una chiara manifestazione di riconoscenza all’Esercito ed all’Armata nel momento in cui essi davano mirabile esempio di valore e di sacrificio; tale sentimento inspirò già i Consiglieri di Battaglia a dare un primo voto favorevole alla proposta che spera vorrà essere nella odierna seduta confermato.
Posta ai voti la proposta di fare partecipare il Comune alla sottoscrizione con la somma di Lire cento è approvata con voti favorevoli quattordici, uno contrario espressi per alzata e seduta.
E’ proclamato l’esito della votazione a norma di legge.
omissis
Esaurito così l’ordine del giorno, il Consiglio valendosi del disposto dell’Art. 282 della legge Comunale e Provinciale, delibera con votazione unanime espressa per alzata e seduta di delegare alla Giunta Municipale l’esame e l’approvazione del verbale della presente adunanza.
Il Sig. Presidente dichiara sciolta la seduta.
Il Verbale suddetto è stato letto, approvato e firmato dai sottoscritti.
Il Presidente
G. Migliorati
Il Consigliere AnzianoIl Segretario 
     F. MarioCarlo Perlasca

8 Febbraio 1915
IL TERREMOTO IN ABBRUZZO

Gennaio 1915, Avezzano dopo il terribile terremoto.

Il 13 gennaio 1915 un devastante terremoto colpì la Marsica (Abruzzo) e la Valle del Liri (Lazio), causando oltre trentamila morti. Nella foto, ciò che rimase di Avezzano.

Lansing Callan [Public domain], attraverso Wikimedia Commons con modifiche.

Seduta del 8 Febbraio 1915
Sessione straordinaria
Seduta pubblica di prima convocazione
L’anno millenovecentoquindici addì otto del mese di Febbraio alle ore 14 in Battaglia, nella consueta sala delle adunanze. Regolarmente convocato il Consiglio Comunale per deliberazione della Giunta Municipale in data tre Febbraio 1915 si è il medesimo riunito come appresso.
Intervenuti
1. Carpanese Giuseppe 11. Stecca Gaetano
2. Bonetti Ing. Edmondo 12. Fasolato Vittorio
3. Braggion Agostino 13. Milani Giuseppe Luciano
4. Baccarin Antonio 14. Migliorati Cav. Giovanni
5. Draghi Gaetano 15. Zannini Giovanni
6. Pitton Raimondo 16. Muneratti Odoardo
7. Cavazzani Rag. Ferdinando 17. Sgaravatti Ulisse
8. Trescato Domenico 18. Vernoni Damiano
9. Gusto Valentino Angelo 19. Pellieri Giacinto
10. Turlon Giovanni
Non intervenuti
1. Bisi Comm. Giulio
Assiste l’infrascritto Segretario Braga Giovanni Rag. Int.
Visto che il numero degli intervenuti è legale per adunanza di prima convocazione il Sig. Cavazzani Ferdinando Sindaco assume la Presidenza e, dichiarata aperta la seduta, chiama all’ufficio di Scrutatori i Signori: Carpanese Giuseppe, Baccarin Antonio, Gusto Valentino.
OGGETTO 81
SUSSIDIO AI DANNEGGIATI DAL TERREMOTO
Il Signor Presidente avverte il Consiglio che nella riunione tenutasi a Monselice tutti I Comuni del Circondario hanno deliberato di concorrere con un sussidio, per una volta tanto di Lire cento, per i danneggiati dal terremoto nella provincia degli Abbruzzi e perciò la Giunta propone che anche il Comune di Battaglia concorra con uguale somma di Lire cento a favore dei danneggiati dal terremoto abruzzese, prelevandone l’importo dal fondo Impreviste.
Avverte poi il Consiglio, che un gruppo di benemeriti Battagliesi si è formato in comitato, onde, con atti di beneficenza, sovvenire, separatamente dal sussidio che il Consiglio intenderà di deliberare, i danneggiati ed in proposito ha già con lettera fatto plauso alla filantropica iniziativa.
Aperta la discussione e nessuno avendo preso la parola il Presidente mette ai voti la proposta della Giunta di accordare cioè ai danneggiati del terremoto degli Abbruzzi un sussidio per una volta tanto in Lire cento ( 100 )
Messa ai voti la proposta della Giunta viene approvata a unanimità.
omissis
Delle presenti deliberazioni fu riconosciuto e proclamato l’esito a norma di legge.
Il presente verbale è stato approvato e firmato dai sottoscritti
Il Sindaco
F. Cavazzani
Il Consigliere AnzianoIl Segretario 
   A. BraggionBraga Giovanni